turismo valle camonica

La Valle Camonica è nota in tutto il mondo per la straordinaria ricchezza e varietà di incisioni rupestri, inserite nel 1979, quale primo sito italiano, nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO. Essa rappresenta un luogo di fascino e suggestione davvero unico, in cui l’Uomo e l’ambiente hanno interagito fin dalla Preistoria, caratterizzandola come “La Valle dei Segni”.
Il patrimonio del sito UNESCO n.94 “Arte Rupestre della Valle Camonica” è distribuito lungo l’intera Valle, con oltre 180 località sparse su 24 comuni, e attraversa più di 12 mila anni di storia. Riveste un’importanza fondamentale non solo per la quantità di soggetti incisi e per l’evoluzione cronologica, ma anche per lo stretto legame che le incisioni hanno con la storia dell’Uomo: scoprire e conoscere l’arte rupestre camuna permette di compiere un viaggio unico e indimenticabile nella preistoria e protostoria europea per giungere, attraverso le incisioni di età storica (romana, medievale e moderna), sino alle soglie del XX secolo. 

Attualmente i parchi in cui si possono ammirare le incisioni rupestri sono otto, ma il loro numero è destinato a crescere, non solo per la ricchezza di testimonianze archeologiche presenti in altre aree della Valle Camonica ma anche per l’impegno degli Enti Locali, consapevoli che la valorizzazione delle patrimonio culturale del territorio costituisca una importante prospettiva di sviluppo socio-economico.

Percorrendo i parchi archeologici della Valle Camonica è possibile ammirare cacciatori, guerrieri e contadini, carri ed aratri, cavalli, buoi, cervi, uccelli acquatici e cani, capanne e torri medioevali,…..Molti sono i simboli incisi e le teorie che li riguardano!
Il sito introduce il visitatore a questo affascinante patrimonio culturale, dove l’arte s’intreccia alla storia, alla religione e ai sentimenti dell’Uomo ma  la visita dei luoghi rappresenta una tappa fondamentale per poter vivere in prima persona questo emozionante viaggio a ritroso nel tempo.


Le Produzioni Culturali

Italo alla scoperta del Parco di Naquane...

ItaloBlog racconta le mille sorprese offerte da Brescia, con un'interessante tappa al Sito UNESCO della Valle Camonica

L'Arte Rupestre della Valle Camonica è stata inserita da Italo nei suoi consigli di viaggio, nell'articolo "Cosa c'è da vedere a Brescia? Una città dalle mille sorprese".

 

"...Se i romani vi sembrano lontani anni luce da noi, che ne dite della preistoria? Questa tappa potrebbe rivelarsi un po’ più lunga, ma sicuramente merita lo sforzo. In Valle Camonica, il Parco Nazionale delle Incisioni Rupestri di Naquane ospita appunto delle incisioni rupestri risalenti al Neolitico e all’età del Ferro: un vero e proprio museo a cielo aperto, perfetto per grandi e piccini! Per raggiungerlo, potete noleggiare un’auto o contattare il parco per avere tutte le informazioni per arrivare lì con i mezzi pubblici da Brescia. Che anche questo è un sito UNESCO te l’avevamo già detto?..."
LEGGI QUI L'ARTICOLO PER INTERO


Vai alla sezione Le Produzioni culturali
Italo_unesco


a ciascuno il suo passo 2016

Le esperienze

Avviso per la selezione di 5 giovani professionisti per la progettazione partecipata di microinterventi per l'accessibilità al patrimonio di Arte rupestre della Valle Camonica

La Valle Camonica, ubicata nelle Alpi centro–orientali lombarde, in provincia di Brescia, è nota per l’estesa presenza di incisioni rupestri che ne determinò€, nel 1979, primo sito italiano, il riconoscimento come Patrimonio Mondiale UNESCO.
Questo straordinario complesso di archeologia rupestre, dopo oltre un secolo di ricerche e studi, si distingue in ambito internazionale per un insieme di elementi: la varietà€ e la qualità€ iconografica; la durata nella preistoria e protostoria, tra la fine del Paleolitico Superiore (tra 13.000 e 10.000 anni da oggi) e l’età del Ferro (I millennio a.C.), con riprese in età romana, medievale, fino all’età€ storica moderna; la vastissima estensione lungo i due versanti della Valle, tra 300 e oltre 2000 m s.l.m., in ambienti naturali di particolare bellezza, con più€ di 180 siti distribuiti in oltre 30 dei 41 Comuni della Valle.

 

Ad oggi, gli interventi di valorizzazione si sono concretizzati nella creazione di 8 parchi archeologici, a partire dal 1955, quando fu fondato, primo Parco archeologico italiano, il Parco Nazionale delle Incisioni Rupestri a Capo di Ponte, in località Naquane. Il polo espositivo per la preistoria e protostoria si completa con il MuPre - Museo Nazionale della Preistoria della Valle Camonica, anch’esso ubicato a Capo di Ponte.

 

Informazioni approfondite sul sito Unesco n. 94 si possono reperire consultando le pagine internet di www.vallecamonicaunesco.it

 

L’accessibilità dei parchi d’arte rupestre della Valle Camonica per le persone con disabilità
I parchi d’arte rupestre della Valle Camonica sono inseriti in contesti paesaggistici di grande fascino, tra montagne sacre, pietre levigate e boschi secolari. Ma questo ambiente presenta una serie di evidenti problematiche di accessibilità alle persone con disabilità€ motoria.

I progetti di valorizzazione dei siti di arte rupestre hanno permesso la realizzazione di molteplici infrastrutture per la visita e l’accesso alle rocce incise (si tratta di percorsi attrezzati, passerelle, pedane) che a volte risultano difficilmente raggiungibili dalle persone con ridotta o impedita capacità motoria, e non permettono la fruizione di questo importante patrimonio di valenza internazionale. Per questo è€ stato promosso sul territorio uno specifico contenitore di iniziative denominato “A ciascuno il suo passo” che ha già€ realizzato, in comune di Capo di Ponte, un percorso attrezzato all’insegna della fruizione universale, e che ha dato corso a varie iniziative di sensibilizzazione per sviluppare sul territorio una progettazione attenta alle esigenze delle varie forme di disabilità€. Molto spesso infatti non si tratta di predisporre interventi specifichi, ma di migliorare con piccole opere accessorie la fruizione di infrastrutture già esistenti.
In questo contesto viene emanato il presente Avviso, che mira a selezionare 5 giovani progettisti intenzionati a condividere con gli operatori della disabilità€ della Valle Camonica (Cooperative, Fondazioni...) un percorso di analisi delle infrastrutture esistenti, di individuazione delle criticità€ nell’accessibilità€ fisica e motoria ai siti, e di progettazione partecipata di microinterventi di miglioramento.

 

Il presente Avviso mira a selezionare n. 5 giovani professionisti disponibili a sviluppare un percorso di progettazione partecipata con altrettante strutture della cooperazione sociale della Valle Camonica (associazioni, cooperative o fondazioni), attive nell’assistenza alle persone con disabilità€. Il progettista e gli operatori della cooperazione costituiranno un Gruppo di Lavoro. La progettazione verrà sviluppata in 5 distinti parchi archeologici, affidati ciascuno a un Gruppo di Lavoro a cui fa capo un progettista selezionato.
L’assegnazione del Parco archeologico al singolo Gruppo di Lavoro avverrà€ a cura dei Soggetti promotori in collaborazione con gli operatori della disabilità€, e dovrà€ essere accettata senza condizioni o riserve dal progettista. I parchi selezionati e assegnati ai Gruppi di Lavoro sono: Parco Nazionale dei Massi di Cemmo; Parco Nazionale delle incisioni rupestri di Naquane, Parco Comunale di Seradina Bedolina in Comune di Capo di Ponte, Riserva Regionale delle incisioni rupestri di Ceto-Cimbergo-Paspardo; Parco Comunale di Luine di Darfo B.T.

 

Requisiti per la partecipazione e criteri di valutazione
Possono partecipare alla selezione: professionisti, di età€ inferiore ai 40 anni, che esercitano regolarmente la professione di architetto, ingegnere, paesaggista anche nella modalità€ associata, e iscritti ai relativi albi professionali.

 

La domanda di partecipazione va consegnata entro le ore 12.00 del 21 novembre 2016

SCARICA QUI IL BANDO COMPLETO E LA SCHEDA DI PARTECIPAZIONE


Vai alla sezione Esperienze di visita

I Parchi

I parchi

Arte rupestre
della Valle Camonica

Gli interventi di valorizzazione, condotti in collaborazione con gli Enti territoriali, si sono concretizzati nella creazione di otto parchi d’arte rupestre, distribuiti dalla Bassa all’Alta Valle. Al Parco Nazionale delle Incisioni Rupestri di Capo di Ponte, istituito nel 1955 (primo parco archeologico italiano), si sono affiancati negli anni il Parco Comunale di Luine, a Darfo-Boario Terme, istituito alla metà degli anni ’70 ed oggi compreso nel Parco di Interesse Sovraccomunale del Lago Moro, la Riserva Regionale delle Incisioni Rupestri di Ceto, Cimbergo e Paspardo, istituita nel 1988, il Parco Archeologico Nazionale dei Massi di Cemmo ed il Parco Archeologico Comunale di Seradina-Bedolina a Capo di Ponte e il Parco Archeologico di Asinino-Anvòia ad Ossimo, tutti aperti nel 2005; recenti interventi di valorizzazione sono stati realizzati al Parco Comunale Archeologico e Minerario di Sellero e al Parco pluritematico “Còren de le Fate” di Sonico (2007).
Si tratta di una vera e propria rete di Parchi che interessa l’intera Valle. Non resta quindi che augurare a tutti: buona visita!

Vai alla sezione Parchi

Il museo

Scoprendo il Museo Nazionale della Preistoria della Valle Camonica

Il Sito Unesco n. 94 si arricchisce di una nuova struttura: il Museo Nazionale della Preistoria (MuPre), aperto il 10 maggio a Capo di Ponte. Il MuPre occupa i locali della restaurata settecentesca Villa Agostani, un tempo sede vescovile e seminario. Due i piani espositivi, per un totale di 1.319 metri quadrati. Con l’inaugurazione del MuPre la Soprintendenza per i Beni archeologici della Lombardia completa il Polo Nazionale della Preistoria e Protostoria della Valle Camonica, un vasto territorio che  comprende il Parco Nazionale delle incisioni rupestri in località Naquane e quello Archeologico del Massi di Cemmo. La Valle Camonica, grazie alla rete di parchi e siti d’arte rupestre, di aree archeologiche, di musei e percorsi gestiti da Stato, Regioni e Comuni, è un valido esempio di sistema culturale integrato, tra natura, cultura e storia del territorio.

Vai alla sezione Museo
Museo
Organizzare la visita

Organizzare la visita

Organizza una visita

Otto sono i parchi d’arte rupestre ad oggi visitabili (2014), situati lungo tutta la Valle Camonica con caratteristiche naturalistiche e paesaggistiche molto diverse tra loro. Le pagine dedicate alle diverse aree all’interno di questo sito web permetteranno al visitatore di scegliere il parco più adatto ai diversi interessi e esigenze: alcuni parchi presentano percorsi più pianeggianti e attrezzati, altri sono percorribili attraverso sentieri di montagna; la vegetazione varia a seconda dell’altitudine e del versante; anche le incisioni presentano a volte temi e simbologie differenti, dipendenti dalla cronologia o da specifiche tradizioni culturali.

Vai alla sezione Visite